Al Galbiga nella nebbia

galbiga 30.09.18 001

La mattina è iniziata con il cielo grigio e un clima freddo e umido, due o tre messaggi hanno poi annunciato altrettante defezioni e il bar dove abbiamo bevuto il caffè non era proprio dei migliori … tutti presupposti per sperare in una bella giornata in sella alle nostre Ebike. Siamo in una decina oggi: Andrea e Stefano di ParcoBici, organizzatori dell'uscita, Mario di mountain&bike e sette partecipanti ansiosi di conoscere questo spettacolare itinerario di cui hanno tanto sentito parlare.

galbiga 30.09.18 002Se a Pigra le nuvole erano sopra di noi, man mano che si sale ci avvolgono sempre più accompagnate anche da una leggera ma fredda brezza. Sarà il clima, sarà la nebbia, sarà quel che sarà, ma tutti hanno una gran fretta di arrivare in cima per poi scendere al Rifugio Venini per pranzare. Arriviamo in vetta al Galbiga e non si vede niente, ma grazie alla "realtà virtuale" tutti riescono a vedere il panorama: Andrea ha in memoria nel suo smartphone le foto fatte a giugno e con nonchalanche mostra a tutti la panoramica a 360° dalla vetta. Gran lavoro di fantasia da parte di tutti, perchè oggi la vista era questa

galbiga 30.09.18 003Ci siamo fermati in cima giusto il tempo per coprirci un po', poi siamo scesi veloci al rifugio: freddo e fame hanno avuto il sopravvento su tutto. Al Venini però i posti in sala da pranzo (quella col camino acceso) son tutti prenotati, così ci tocca accomodarci sui tavoli all'esterno: un bel bicchiere di vino, polenta, brasato, costine, salsiccia e alla fine un bel grappino ci hanno comunque scaldato a dovere. Il tempo passa però e la discesa è lunga, così ci prepariamo e iniziamo a scendere. Tempo zero e siamo già fermi per una foratura.

galbiga 30.09.18 004E' solo la prima di una lunga serie, ben sei volte ripeteremo l'operazione di cambio camera d'aria e una volta raggiunta Argegno ci sarà ancora una gomma a terra! Forature a parte perdiamo rapidamente quota e le nubi si alzano, così finalmente riusciamo a vedere qualcosa del panorama. Ci sono altri bikers sul percorso, anche loro foreranno poi, ma è al nostro passaggio che il gregge di capre si apre e risale il pendio

galbiga 30.09.18 007

Fora, ripara, scendi, fermati, foto … sarà così fino a Tremezzo. Anche perchè finalmente si riesce a scorgere anche la punta di Bellagio.

galbiga 30.09.18 008Qualche bel ribaltone, pur senza conseguenze, "allieta" ulteriormente la discesa e per chiudere in bellezza arrivati a Tremezzo c'è chi resta senza batteria. Mancano ancora una dozzina di km per chiudere il giro e la stanchezza inizia a farsi sentire: veloce cambio di bici e anche chi è più stanco arriva alle auto in bellezza. La birra finale al chiosco di Argegno è ormai un rito a cui nessuno si sottrae e la torta di noci di Roberto ben si abbina al beveraggio. Abbiamo tirato un po' più tardi del previsto, però ci siamo divertiti

galbiga 30.09.18 010Qualche numero: 38 km, 1100 m disl.+ e 1750 m disl.-

Alla prossima!