San Bernardino, un bell’angolo di Svizzera

S.Bernardino 301

A volte le giornate non iniziano come dovrebbero, così questa mattina il primo problema è stato far stare tre mtb sull'auto: la fida Genius si rifutava di salire sul portabici. E' sensibile la ragazza, così prova e riprova, smonta di qua e smonta di la, siamo riusciti a infilarla dentro la macchina. Si parte! Beh, ci proviamo a partire quando il Mau frena e dice: "Nuooooo … ho lasciato a casa la carta d'identità … ". "Già, dobbiamo solo andare in Svizzera … " ribatte Marco. Inversione di rotta e si torna a casa del Mau, tra una storia e l'altra ce la caviamo in meno di un quarto d'ora e in men che non si dica la Svizzera è sempre più vicina. Arriviamo velocemente in Val Mesolcina e usciamo dall'autostrada. Siamo a Pian S.Giacomo e anche senza occhiali riusciamo a trovare sulla cartina il minuscolo paesino di Monda. Scarichiamo le mtb e via si parte subito in salita. Bella giornata: cielo blu e temperatura gradevole, se però calasse un po' il vento non sarebbe male. Man mano che si sale il vento cala e la temperatura sale. Berrei volentieri un po' d'acqua se non fosse che la mia borraccia è rimasta in macchina e quella del Mau è vuota: la troveremo prima o poi una fontanella ! 

S.Bernardino 303MR

Per fortuna che ogni tanto spiana un po', la salita non scherza! Così ci tocca fermarci spesso per scattare una foto o guardare il panorama. Sono stato spesso da queste parti, ho salito quasi tutte le cime dalla zona, però sempre in versione invernale con sci e pelli di foca. Ma con la mtb non mi era mai capitato di girare per questi sentieri. Comunque arriviamo in vista del lago: finalmente siamo a San Bernardino

S.Bernardino 304

Le stradine nel bosco intorno al paese iniziano ad essere affollate vista l'ora. Cerchiamo alternative meno frequentate e ci perdiamo un po' nel dedalo di stradine e sentieri, però … però finalmente troviamo l'agognata fontana.

S.Bernardino 307

Riprendiamo a salire seguendo una traccia tra i prati e il bosco, anche se la pendenza si mantiene sempre costante sul ripido: sarà per quello che la maggior parte dei bikers che incontriamo vanno in senso opposto al nostro?

S.Bernardino 306MR

La traccia sul GPS ci porta a girovagare un po' di qua e un po' di là, senza mai spostarci troppo dal paese di San Bernardino che vediamo sempre li sotto, un po' alla nostra destra e un po' alla nostra sinistra.

S.Bernardino 305

Ci alziamo di quota, attraversiamo zone che mai avremmo pensato ci fossero e ben presto usciamo dal bosco. Siamo a quasi 1800 m e ormai pedaliamo tra una moltitudine di mucche al pascolo. Abituato a vedere queste montagne coperte di neve scopro che anche in estate il panorama è meraviglioso.

S.Bernardino 308M

S.Bernardino 309

Fin qui il panorama ci distrae dalla fatica e ci divertiamo anche. Fin qui. Arriviamo al palo con i segnavia e scopriamo che da qui il sentiero, per i prossimi tre km e 300 m di dislivello non è granchè pedalabile. 

S.Bernardino 311M

Rapido conciliabolo, un'occhiata alla cartina e una ai sentieri che si vedono sul pendio la di fronte, poi decidiamo il da farsi: " andiamo di la e scendiamo a prendere quel sentiero in basso laggiù". E' deciso.

S.Bernardino 312

Giù a piedi, è la prima volta che cammino in una palude verticale! Poi, dove il terreno si asciuga le vedo li nell'erba. Erano anni che non ne vedevo, per la Genius poi è la prima volta: le stelle alpine!

S.Bernardino 314

Adesso anche lei, la Genius, si sente una vera mountain bike! Tutta gasata si butta giù per il pendio con me sopra: chissà se vedeva da vicino un camoscio!

S.Bernardino 315MR

Arriviamo al sentiero che avevamo visto dal lassù e tanto per cambiare ci tocca spingere un po' in salita. Pochi metri e siamo ancora in sella

S.Bernardino 316

Adesso si che ci si diverte: un bel trail tecnico, di quelli giusti, ci riporta a San Bernardino. Siamo stanchi e assetati, adesso una bella birra non ce la toglie nessuno alla faccia della fontana che non si trova mai. La ragazza del bar ci guarda e senza chiedere nulla ci porta tre bei boccali che evaporano in un attimo. Dai però che manca ancora un pezzo di discesa, una volta alla macchina dobbiamo ancora giocare a tetris per caricare le bici! Noi comunque ci siamo divertiti: in salita e in discesa, con e senza acqua nelle borracce, nel bosco e nei prati. Come sempre.

Dimenticavo: la traccia di oggi:

S.Bernardino -7-luglio-2018

Alla prossima.